“Educazione all’imprenditorialità. Quanti benefici! Quanto divertimento!” con Daniele Manni

519

Chi è Daniele Manni

Insegna informatica e educazione all’auto-imprenditorialità presso l’Istituto “Galilei-Costa” di Lecce. Da oltre 15 anni incentiva e coordina i propri studenti nell’ideazione e conduzione di micro e piccole attività imprenditoriali innovative (startup), sia prettamente economiche (fare business) che sociali (fare business facendo del bene).
Tra le startup dei suoi studenti ricordiamo “Mabasta” (contro bullismo e cyberbullismo), “ECOisti” (pro ambiente), “Smart Siti” (web design) e “Nectarea” (olio evo pro salute).

Di cosa parlerà al convegno


Insegnare imprenditorialità e guidare le studentesse e gli studenti delle scuole superiori ad inventare e lanciare sul mercato reale (non simulazioni quindi) un nuovo prodotto, un nuovo servizio o una nuova app, porta in classe (e soprattutto fuori dalla classe) una ventata di benefici non usuali per la scuola italiana. Se poi questo nuovo prodotto, servizio o app opera nel sociale, risolvendo problemi o introducendo semplificazioni, tanto di guadagnato. Per tutti.

L’attività ultradecennale in questo senso dimostra che le esperienze svolte dagli studenti, tra cui, ad esempio, il brainstorming per l’’individuazione dell’idea, del nome e del logo più “giusti”, il lavoro di gruppo in modalità flipped, la cura nella realizzazione concreta del prodotto o servizio, le indagini di mercato svolte sul campo, la risoluzione individuale e collettiva dei problemi, l’affrontare il fallimento e le conseguenti rimodulazioni, permettono lo sviluppo ed il rafforzamento di alcune di quelle soft skills tanto importanti. Parliamo di problem solving, fiducia in sé e nelle proprie capacità, resilienza, empatia, public speaking e, soprattutto, concreta speranza nel futuro.