Verbale assemblea dei soci 11 aprile 2017

L’assemblea si è tenuta (in seconda convocazione) in videoconferenza (dalle 18,40 alle 19,40) attraverso la piattaforma  GotoWebinar della Citrix. E’ stato fornito un link per l’accesso e sono state registrate le presenze e le votazioni.

Sono presenti:
Maurizio Maglioni, presidente
Grazia Paladino, vicepresidente
Susanna Quaranta, tesoriere
Sono presenti i soci: Alaimo Francesca Maria, Bertulu Maria Pina, Caggiano Antonella, Capo Angiolanna, Carnelos Pierina, Coianiz Roberta, Credali Giuseppina, De Lucia Giovanni, Esposito Massimo, Faustinella Rita, Ferrari Stefania, Lucchetti Loretta,Murru Carlo, Palermo Anna, Perotti Beatrice, Piromallo Annalisa, Sessa Angelina, Saba Giovanni, Scapellato Barbara, Suppini Riccarda, Tomasello Liliana, , Gondolo Alessandra, La China Maria Lina, Lunati Laura Cinzia, Migliore Loredana, Nogara Christian, Capparucci Maria Letizia, De Luca Gianfranco, Dondolini Gabriella, Di Francesco Maria Elisa, Di Tullio Antonella, Floris Massimo Pietro, Formaggio Mirco, Gentile Mariarosaria, Grilli Antonella, Iadeluca Clotilde, Mascolini Laura, ,Starita Pompilia, Tonet Annamaria, Trevisan Chiara, Danioni Lucia, Frau Paola, Gambone Sandro, Madeo Teresa, Massarotto Emilia.
Sono presenti i dipendenti Flipnet: Falsetta Teresina (amministrazione), Meli Adriano (assistenza)

Sono presenti per delega:
Sardo Maria Letizia, Sasso Daniela, Cerino Daniela

M.Maglioni saluta i partecipanti e fa notare che, nonostante spesso le assemblee nelle associazioni vengano prese come un atto formale, noi vorremmo trasformarle in autentiche riunioni dei soci sui principi, le attività e gli obiettivi dell’associazione.
Abbiamo deciso di effettuare l’assemblea in videoconferenza proprio per permettere la partecipazione ai soci da tutta Italia, senza costi. Auspichiamo che in futuro la partecipazione aumenti e che tutti esprimano, prendendo la parola, la propria opinione.
Legge l’ordine del giorno.

  1. Approvazione del rendiconto incassi e pagamenti, della situazione patrimoniale 2016, della nota integrativa, della relazione della attività svolte e da svolgere e del preventivo 2017
    Rispetto al 2015 nel 2016 gli incassi sono triplicati, tuttavia non abbiamo avuto un utile. In particolare nel convegno di febbraio abbiamo avuto una perdita cospicua, circa 10.000 euro, dovuta a diversi fattori, primo fattore è stato l’inaspettato pagamento dell’iva su tutti gli importi acquisiti tramite la carta docente.
    A causa di questa doppia fatturazione dovremo rivedere i prezzi dei biglietti dei convegni e dei corsi.
    Liliana Tomasello propone di prevedere un biglietto per la partecipazione in streaming. La proposta verrà vagliata per il prossimo convegno.
    Per il bilancio preventivo abbiamo in programma le stesse iniziative dello scorso anno ma prevediamo una minore partecipazione da parte dei docenti, dovuta all’introduzione della carta docente per la quale molti docenti hanno avuto più difficoltà rispetto al sistema precedente in cui presentavano le fatture alla propria scuola. Viene prevista una nuova voce di spesa per la formazione dei nuovi formatori che devono incontrarsi almeno quattro volte l’anno..
    Si vota per l’approvazione del rendiconto incassi e pagamenti.
    Il rendiconto viene approvato all’unanimità dai soci presenti.
  2. Discussione e approvazione degli 8 obiettivi dell’Associazione (vedi piano delle attività 2017) e relativa individuazione e nomina dei responsabili dei gruppi di lavoro (qualora mancanti);
    Obiettivo 1 Formare insegnanti che adottino il metodo capovolto nella propria disciplina con efficacia educativa e soddisfazione di studenti e genitori.
    Verranno replicati le stesse edizioni dello scorso anno. I corsi advanced verranno organizzati in diverse regioni: nord, centro e sud.
    Si annuncia che entro il mese di aprile si apriranno le iscrizioni alla Summer school a Bardonecchia (TO).
    Obiettivo 2 Creare una community di formatori in grado di comunicare con efficacia ed empatia come applicare il metodo flipped nelle scuole di ogni ordine e grado per ogni disciplina.
    Prevediamo almeno 4 incontri formativi l’anno per tutti i formatori Flipnet.
    Obiettivo 3 Creare un Albo Pubblico di insegnanti capovolti italiani.
    Obiettivo 4 Creare un Comitato scientifico Flipnet.
    Il comitato scientifico attuale si dovrà ampliare e dovranno prevedersi nuove cariche e responsabilità. Abbiamo avuto l’adesione di Giorgia Squini che partecipa con noi alle riunioni del Flipped Learning Global Initiatives con Jon Bergmann e altri 15 docenti che lavorano ad un comitato scientifico internazionale di studio sul flipped learning (in particolare sui dati analitici).
    Tra i compiti del comitato scientifico si propone la redazione di un documento – manifesto sui pilastri della classe capovolta a livello nazionale e internazionale. In questi anni i 6 fattori su cui abbiamo lavorato di più sono stati: il lavoro sulle Competenze, sui Compiti autentici, sull’Autoapprendimento, sulla Autovalutazione, sulla Comunicazione empatica e sull’Apprendimento cooperativo. Potrebbero diventare i 6 pilastri del manifesto. Dovremmo per questo obiettivo produrre materiale scientifico per diffondere il metodo e lavorare in sinergia con il comitato scientifico internazionale per produrre dati sull’applicazione del metodo, ossia se il rendimento (relativo alle competenze, alle conoscenze e ai fattori umani) degli studenti i cui docenti applicano il metodo capovolto è migliore di quelli che hanno docenti che lavorano con il metodo tradizionale.
    Obiettivo 5 Promuovere il metodo capovolto
    Liliana Tomasello propone che i docenti si candidino come referenti del metodo flipped all’interno del proprio istituto. La proposta viene accolta con favore e S. Quaranta annuncia che si vorrebbero prevedere delle conferenze gratuite nei capoluoghi di regione per promuovere il metodo capovolto. A tale scopo si invitano i soci che conoscano scuole con un’aula magna sufficientemente spaziosa a segnalarle all’Associazione.
    Un’altra proposta è la realizzazione delle “classi aperte” iniziativa che si realizza negli Stati Uniti e in Francia, dove i docenti che utilizzano questo metodo aprono le loro classi per far vedere le loro attività ai colleghi che non le conoscono.
    Attualmente in Italia è possibile realizzarla solo con i docenti dello stesso istituto, a causa dell’eccessiva burocrazia italiana, ma potremmo studiare delle possibilità di attuazione.
    Liliana Tomasello chiede se fosse possibile inviare ai soci un volantino da stampare e lasciare in sala professori che spieghi le linee guida della didattica capovolta. La proposta viene accolta.
    Giovanni Saba richiede corsi e seminari, anche di secondo livello, nell’area nord-est.
    Grazia Paladino puntualizza che è sufficiente la richiesta di un gruppo minimo di docenti per organizzare un evento.
    Obiettivo 6 Gestire il portale materiali didattici
    Qui abbiamo un coordinatore, Vittoria Paradisi, di un folto gruppo di volontari che si occupano della ricerca, catalogazione e valutazione del materiale didattico. Occorre allargare la rete dei volontari, soprattutto per le classi di concorso ancora scoperte, creando anche nuove funzioni di responsabilità.
    Obiettivo 7 Creare una rete europea di aiuto reciproco alla classe capovolta
    Susanna Quaranta spiega che si tratta di un obiettivo nato durante l’ultimo convegno internazionale, dai colloqui con Heloise Dufour, presidente dell’associazione francese “Inverson la classe” con cui abbiamo videoconferenze periodiche.
    Per questo obiettivo si stanno portando avanti la formazione di un gruppo di lavoro che si occupi di:
    ■ ricerca di altre associazioni/docenti europei
    ■ individuare bandi a cui poter partecipare
    ■ tradurre in inglese le parti che saranno redatte in italiano
    Si cercano altri volontari che vogliano partecipare!
    Segnalate la vostra disponibilità su http://flipnet.it/collabora-con-noi/.
    Obiettivo 8 Studiare la fattibilità di una scuola parentale capovolta
    La proposta viene illustrata da Maurizio Maglioni.
    Tale scuola avrebbe un doppio obiettivo:
    a) creare una struttura educativa libera dove mettere in pratica il nostro progetto senza vincoli istituzionali o burocratici, con classi aperte, orari non rigidi, grande apertura alla natura ed alla motricità e digitalizzazione dalla prima primaria.
    b) creare un’accademia formativa per tutti i docenti che vogliono apprendere e sperimentare direttamente con i bambini il nostro metodo.
    Occorre quindi creare un gruppo di lavoro e pianificare le attività in tal senso.
    Le prime attività riguarderanno:

1. La stesura di una Vision e di una Mission per la scuola.
2. L’espressione di slogan, messaggi e idee per calamitare l’attenzione degli investitori.
3. La stesura di un piano economico – finanziario
4. La ricerca di investitori.

Chi è interessato a partecipare ci contatti attraverso la mail info@flipnet.it.

3. Nomina del consiglio direttivo

Viene chiesto di votare per rinnovare le cariche del consiglio direttivo che attualmente sono ricoperte da:
● Maurizio Maglioni, presidente
● Grazia Paladino, vice presidente
● Susanna Quaranta, tesoriere
Il consiglio direttivo in carica viene rinnovato all’unanimità dai soci presenti.

4. Varie ed eventuali.
Annalisa Piromallo ringrazia e si offre di collaborare.

L’assemblea viene chiusa alle 19,40 dell’11 aprile 2017.